SVolta

Voci di Menu
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Le misure anticorruzione in materia di appalti

Gennaio 17

Nell’ambito del PNA 2019 e in numerosi interventi di controllo, l’Autorità nazionale anticorruzione ha focalizzato l’attenzione sulla necessità di definire, nei piani di prevenzione della corruzione, misure adeguate per l’area di rischio degli appalti e dei contratti pubblici.
Il seminario, a forte contenuto operativo, prende in esame le principali problematiche in materia e guida i partecipanti alla definizione di misure specifiche, finalizzate a evitare distorsioni dell’attività contrattuale e nell’esecuzione di appalti o concessioni
Corso “open”: Data la sua particolare impostazione operativa, al corso possono partecipare sia operatori specializzati sia operatori con media esperienza nella gestione dei contratti di appalto.

Destinatari: Segretari Comunali e Provinciali, altri soggetti operanti come RPCT, Responsabili Servizio Affari Istituzionali, Responsabili Servizio Gare e Contratti / Appalti, Responsabili Servizio Lavori Pubblici / Ufficio Tecnico, Responsabili Servizio Provveditorato/Economato, Responsabili Servizi Sociali / alla Persona, Responsabili Unici di Procedimento.

I contenuti scientifici dell’evento sono stati preventivamente analizzati ed approvati dal Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri di Savona che ha assegnato n. 6 CFP validi ai fini dell’aggiornamento delle competenze professionali ai sensi del DPR 137/2012. Il corso comporta anche il riconoscimento di n. 6 CFP validi per l’aggiornamento della competenza professionale degli Architetti (DPR 137/2012).

Programma

Il quadro di riferimento per l’impostazione della gara in termini di massima neutralizzazione dei possibili “fattori corruttivi”

Le illegittimità che possono determinare corruzione amministrativa:
La “violazione di legge” determinata da una forzatura
Le ragioni della forzatura: il “favor”
Alcuni esempi di illegittimità “volute” ed esplicite, che possono mettere a rischio la gara (es. clausole immediatamente lesive dei principi dell’ordinamento comunitario, clausole evidentemente discriminatorie, ecc.).

Le fattispecie penali correlate allo svolgimento dell’appalto:
La turbata libertà degli incanti (c.d. turbativa d’asta) nell’art. 353 del codice penale
Quando si concretizza la turbativa d’asta: la giurisprudenza della Corte di Cassazione (penale)
La casistica relativa agli interventi impropri nella gara, determinanti la turbativa d’asta
La turbata libertà del procedimento di scelta del contraente nell’art. 353-bis del codice penale
Le caratteristiche della fattispecie e le condizioni perché si verifichi il reato
L’incidenza del reato ex art. 353-bis c.p. sugli atti regolativi della gara (bando, disciplinare, capitolato)
I reati correlabili alla gestione illecita di fai dell’appalto: la concussione (art. 317 c.p.) e la corruzione (art. 318 c.p.), le aggravanti legate agli appalti (art. 319-bis c.p.)
L’induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater c.p.)
L’abuso d’ufficio (art. 323 c.p.).

Come analizzare i fattori di rischio nella gestione di una gara, nelle procedure negoziate e negli affidamenti sottosoglia

I fattori di rischio “prima della gara”:
Le differenze tra “indirizzi” e “ingerenze” della parte politica rispetto agli appalti
Le differenze tra la collaborazione dell’appaltatore uscente e la “predisposizione degli atti di gara”
L’elusione delle regole di affidamento degli appalti, mediante l’improprio utilizzo del modello procedurale dell’affidamento delle concessioni al fine di agevolare un particolare soggetto.

I fattori di rischio nella predisposizione della gara:
La carenza o l’assenza di motivazione nella determinazione a contrarre
L’omissione degli obblighi di pubblicazione degli atti a contrarre per le procedure negoziate
Le incoerenze negli atti regolativi della gara
Le clausole del capitolato eccessivamente restrittive
I requisiti “ad eccessiva qualificazione”
L’incompleta o carente esplicitazione dei criteri e delle metodologie di attribuzione dei punteggi
I criteri di valutazione eccessivamente focalizzati e induttivi
Analisi di “bandi sartoriali”
Le clausole a pena di esclusione non coerenti con il comma 1-bis dell’art. 46 del Codice
I termini di presentazione delle offerte eccessivamente ristretti

I fattori di rischio “nel corso della gara”:
Gli accordi collusivi tra le imprese partecipanti a una gara volti a manipolarne gli esiti, utilizzando il meccanismo del subappalto come modalità per distribuire i vantaggi dell’accordo a tutti i partecipanti allo stesso
Gli accordi collusivi tra le imprese rilevabili nei “macro” raggruppamenti temporanei
La check-list dell’AGCM per la rilevazione di comportamenti anticoncorrenziali che possono rilevare anche come illeciti amministrativi e/o penali
La definizione dei requisiti di accesso alla gara e, in particolare, dei requisiti tecnico-economici dei concorrenti al fine di favorire un’impresa (es.: clausole dei bandi che stabiliscono requisiti di qualificazione)
L’uso distorto del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, finalizzato a favorire un’impresa
Le problematiche relative alla gestione delle operazioni di gara da parte della Commissione giudicatrice
Le esclusioni di concorrenti non motivate o “forzate” rispetto alle regole di gara (l’abuso delle clausole a pena di esclusione)
La gestione “impropria” delle informazioni e dei chiarimenti.

Le patologie riferibili alle procedure negoziate e agli affidamenti sottosoglia:
L’utilizzo della procedura negoziata e abuso dell’affidamento diretto al di fuori dei casi previsti dal Codice al fine di favorire un’impresa
La selezione “senza regole” degli OE con i quali procedere ad affidamento diretto
L’utilizzo improprio degli affidamenti diretti (entro i 40.000 euro), con artificioso frazionamento di appalti di valore superiore comportanti procedure selettive
La motivazione “eccessivamente formale” del ricorso alla procedura negoziata nelle fattispecie previste dall’art. 63 del Codice
L’erroneo utilizzo di alcune fattispecie di procedura negoziata per favorire contratti in continuità (es. servizi tecnici, informatici o manutentivi).

Le patologie in relazione all’esecuzione dell’appalto:
Il mancato controllo dell’esecuzione dell’appalto (particolarmente per gli appalti di servizi e forniture)
L’ammissione di varianti in corso di esecuzione del contratto per consentire all’appaltatore di recuperare lo sconto effettuato in sede di gara o di conseguire extra guadagni
Le varianti in corso di esecuzione: la motivazione incoerente o carente
Le “forzature” relative alle varianti in corso di esecuzione
La “mascheratura” delle varianti nella contabilità dei lavori al fine di evitare l’invio all’ANAC.

Le misure (e la relazione con altri strumenti):
La definizione di un “manuale per la gestione della gara”
L’audit interno sui processi di gestione degli appalti
Le checking list di verifica degli adempimenti
La gestione “in continuità” delle operazioni di gara
Il rispetto degli obblighi di pubblicità e di trasparenza
La motivazione delle scelte
Le misure specifiche per gli affidamenti sottosoglia
Il controllo dell’esecuzione dell’appalto
Come raccordare le misure di prevenzione della corruzione con il piano della performance
La definizione di “indicatori di performance” correlabili al corretto sviluppo dei processi di gestione degli appalti
L’abbassamento della “rischiosità” nella gestione degli appalti come obiettivo del piano della performance.

L’adeguamento del Piano anticorruzione:
La rilevazione di problematiche nell’applicazione dell’anticorruzione nell’area di rischio “appalti” nella relazione di analisi 2019
L’analisi specifica delle criticità
La definizione di misure per affrontare le criticità nell’ambito del Piano per la prevenzione della corruzione per il triennio 2020-2022 (adeguamento del Piano)
Il monitoraggio dell’efficacia delle misure.

Date, orario e sede
17 gennaio 2020 – Orario: 9.00-13.00 / 14.00-16.00
Unione Industriali Savona – Via Gramsci n. 10 – Savona

Docenti
Dott. Alberto BARBIERO – Consulente amministrativo gestionale in materia di appalti, servizi pubblici locali e prevenzione della corruzione, formatore, consulente di enti locali, società partecipate e imprese, collaboratore de “Il Sole 24 Ore”.

Quota per la partecipazione
Euro 290,00 + IVA (22%) se dovuta

La quota è da intendersi al netto delle spese accessorie (bonifico bancario, ecc.) e dovrà essere versata entro la data di inizio del corso a Centroservizi S.r.l. (P.Iva 00861910099) e comunque a seguito di conferma dello svolgimento da parte della Segreteria Organizzativa.

Si evidenzia che in ogni caso il rilascio dell’attestato di frequenza avverrà successivamente al pagamento della quota di adesione.

Il pagamento potrà essere effettuato a mezzo:
bonifico bancario da effettuarsi sul c/c n° 000000534680 intestato a Centroservizi S.r.l. – Savona (P.IVA. 00861910099) presso BANCA CARIGE SPA – Agenzia n. 7 Via Gramsci 62 – Savona – ABI 06175 – CAB 10607 – CIN: S – IBAN: IT97S0617510607000000534680 – BIC : CRGEITGG. Tale conto corrente deve essere inteso quale quello dedicato ai sensi dell’art.3 della L.n.136/2010

Per 3 o più partecipanti della stessa azienda viene praticato uno sconto del 10%.

Sono inoltre previste convenzioni – abbonamenti e condizioni agevolate per iscrizioni multiple. Per informazioni contattare la Segreteria.

Disdetta iscrizione
Qualora non prevenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento, verrà fatturata l’intera quota di partecipaizone.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante

Segreteria Organizzativa
Simonetta Canaparo – Francesco Gavarone – Valentina Zampaglione
Centroservizi S.r.l.(Società di servizi dell’Unione Industriali di Savona)
Tel. 019.821499 – Fax 019.821765 – e-mail: formazione@ciservi.it

Vilma Ferrari – Unione Industriali Savona – Area Economia d’Impresa
Tel. 019 85531 Fax 019 821474 e-mail:ferrari.v@uisv.it

Luogo

Unione industriali Savona
Edinet - Realizzazione Siti Internet