SVolta

Voci di Menu
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Ruoli e competenze nella gestione dell’appalto: Dirigenti e Responsabili di Servizio, Rup, seggio di gara e Commissione giudicatrice, direttore dei lavori e direttore dell’esecuzione – Primo Modulo

Maggio 16

Obiettivi:
Il Codice dei contratti pubblici (d.lgs. n. 50/2016) delinea il ruolo del Responsabile Unico del Procedimento come figura essenziale per il corretto ed efficace sviluppo delle procedure di affidamento per l’acquisizione di lavori, beni e servizi.
Le linee-guida Anac n. 3, sottoposte a revisione nel 2017, hanno compiutamente definito gli elementi di qualificazione professionale, il ruolo, i compiti e gli ambiti di intervento specifici del Rup, evidenziando la necessità di una formazione continua e del rafforzamento delle competenze in materia di project management.
Nella gestione della gara intervengono altri soggetti
Correlativamente, il d.m. MIT 49/2018 ha definito le linee-guida in base alle quali le stazioni appaltanti devono svolgere le attività di direzione dei lavori (negli appalti di lavori) e dell’esecuzione dell’appalto (negli appalti di beni e servizi), delineando meglio i ruoli del DL e del DEC, i processi nei quali essi intervengono, gli strumenti a loro disposizione e le e responsabilità.

Corso “open”: data la sua particolare impostazione operativa, al corso possono partecipare sia soggetti che già svolgono l’attività di Rup, DL o DEC sia soggetti che hanno i requisiti per svolgerla.

Il corso comporta il riconoscimento di n. 6 CFP validi per l’aggiornamento della competenza professionale degli Architetti ai sensi del DPR 137/2012

Programma
Primo modulo

Ruolo, funzioni e responsabilità del Rup

Il quadro di riferimento:

Ruolo e funzioni generali del Rup nell’art. 31 del d.lgs. n. 50/2016
Le disposizioni specifiche del d.lgs. n. 50/2016 che individuano competenze e interventi del Rup nel processo di gestione dell’appalto
Le linee-guida Anac n. 3 dopo la revisione 2017.

I requisiti del Rup e la sua nomina:

I requisiti professionali e di esperienza del Rup per gli appalti di lavori pubblici
I requisiti professionali e di esperienza del Rup per gli appalti di beni e servizi
L’obbligo di formazione continua
La nomina del Rup con provvedimento espresso
L’obbligo di accettazione dell’incarico
Il Rup senza adeguati requisiti e l’individuazione degli assistenti.

Il ruolo del Rup nella gestione degli appalti:

Ruolo e competenze del Rup in base al d.lgs. n. 50/2016 e alle Linee-guida Anac n. 3
Il Rup nella programmazione
Il rup nella fase di progettazione degli appalti di lavori: la competenza specifica ed esclusiva per la validazione del progetto
Le incompatibilità per il Rup in relazione alle attività nella fase di progettazione
Il Rup nella fase di affidamento: il “governo” della procedura di gara
Il Rup nella fase di esecuzione dell’appalto: il coordinamento e il ruolo di controllore a supporto del DL/DE .

Le criticità relative al Rup nelle procedure di affidamento e di esecuzione dell’appalto:

Le crititicità relative al conflitto di interessi
Le problematiche relative alle possibili incompatibilità del Rup, con particolare riferimento alla fase di affidamento
Il Rup e la gestione della fase di ammissione alla gara (con l’adozione dei provvedimenti di ammissione e di esclusione)
Il Rup e la partecipazione alla Commissione giudicatrice nelle gare con l’OEPV
Il Rup e la verifica delle offerte anormalmente basse
L’intervento del Rup nella fase tra la proposta di aggiudicazione e l’efficacia dell’aggiudicazione.

Il quadro delle responsabilità del Rup:

La responsabilità complessiva rispetto al processo di gestione dell’appalto
La responsabilità specifica in ordine alla validazione dei progetti
Le responsabilità specifiche in relazione alla fase di affidamento
Le responsabilità specifiche in ordine all’esecuzione dell’appalto e ai controlli.

Gli altri “ruoli” nella gestione della gara d’appalto

L’Ufficio appalti-gare:

Il ruolo dell’Ufficio appalti-gare nelle procedure di affidamento in base al modello organizzativo scelto dalla Stazione Appaltante
Le possibili competenze in rapporto alla gestione della gara
L’eventuale intervento per la gestione della fase di ammissione degli OE alla gara (Linee-guida Anac n. 3).

Il Seggio di gara:

Cos’è e quando deve essere costituito (gare con il prezzo più basso) il Seggio di gara
I riferimenti normativi e giurisprudenziali per individuare il “modello organizzativo” del Seggio di gara
Le funzioni del Seggio di gara
L’atto di nomina del Seggio di gara.

La Commissione giudicatrice:

La composizione della Commissione giudicatrice nelle gare con l’OEPV in base all’art. 77 del Codice (soprasoglia e sottosoglia)
Competenza e esperienza dei Commissari
L’iscrizione all’Albo tenuto dall’Anac
La nomina dei componenti esterni (nelle gare soprasoglia) e del Presidente (nelle gare sottosoglia): la procedura definita dall’art. 77 e dalle Linee-guida Anac n. 5
La nomina di componenti interni in caso di indisponibilità o mancanza di esperti nell’Albo Anac
I compensi dei commissari
L’accertamento delle situazioni di incompatibilità e di eventuale conflitto di interesse
Le problematiche relative alla c.d. “incompatibilità funzionale” derivante dallo svolgimento di altre attività nell’ambito della procedura (art. 77, comma 4)
Quando il Rup può essere nominato componente della Commissione giudicatrice
La scelta del Presidente
La determinazione di nomina della Commissione giudicatrice
La pubblicazione dei curricula dei componenti della Commissione giudicatrice
Il ruolo del Segretario verbalizzante (che non è componente della Commissione)
Le interazioni tra Rup e Commissione giudicatrice nella gestione della fase di valutazione delle offerte e di verifica dell’anomalia.

Date, orario e sede
16 maggio – Orario: 9.00-13.00 / 14.00-16.00
Unione Industriali Savona – Via Gramsci n. 10 – Savona

Docenti
Dott. Alberto BARBIERO – Consulente amministrativo gestionale in materia di appalti, servizi pubblici locali e prevenzione della corruzione, formatore, consulente di enti locali, società partecipate e imprese, collaboratore de “Il Sole 24 Ore”.

Quota per la partecipazione a ogni singolo modulo
Euro 260,00 + IVA (22%) se dovuta

La quota è da intendersi al netto delle spese accessorie (bolli, bonifico bancario, ecc.) e dovrà essere versata entro la data di inizio del corso a Centroservizi S.r.l. (P.Iva 00861910099) e comunque a seguito di conferma dello svolgimento da parte della Segreteria Organizzativa.

Si evidenzia che in ogni caso il rilascio dell’attestato di frequenza avverrà successivamente al pagamento della quota di adesione.

Il pagamento potrà essere effettuato a mezzo:

bonifico bancario da effettuarsi sul c/c n° 000000534680 intestato a Centroservizi S.r.l. – Savona (P.IVA. 00861910099) presso BANCA CARIGE SPA – Agenzia n. 7 Via Gramsci 62 – Savona – ABI 06175 – CAB 10607 – CIN: S – IBAN: IT97S0617510607000000534680 – BIC : CRGEITGG. Tale conto corrente deve essere inteso quale quello dedicato ai sensi dell’art.3 della L.n.136/2010

Per 3 o più partecipanti della stessa azienda viene praticato uno sconto del 10%.

Sono inoltre previste convenzioni – abbonamenti e condizioni agevolate per iscrizioni multiple. Per informazioni contattare la Segreteria.

Disdetta iscrizione
Qualora non prevenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento, verrà fatturata l’intera quota di partecipaizone.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante

Segreteria Organizzativa
Simonetta Canaparo – Francesco Gavarone – Valentina Zampaglione
Centroservizi S.r.l.(Società di servizi dell’Unione Industriali di Savona)
Tel. 019.821499 – Fax 019.821765 – e-mail: formazione@ciservi.it

Vilma Ferrari – Unione Industriali Savona – Area Economia d’Impresa
Tel. 019 85531 Fax 019 821474 e-mail:ferrari.v@uisv.it

Luogo

Unione industriali Savona
Edinet - Realizzazione Siti Internet